Cambiare dimensione titolo articoli

Come da titolo come si fa?

Ho un tema Writee ma non riesco a capire come fare.

Grazie.

Annunci

La vita è bella

face-2936245_960_720.jpg

A noi tutti viene insegnato
di fuggire da se stessi
per trovare un posto nel mondo,
mentre il ricercatore fugge in se stesso
per trovare la fonte della vita.
A tutti noi viene insegnato di essere istruiti,
ci vengono insegnati i nomi dei fiori,
degli alberi,
ma non come entrare in comunicazione con loro,
non ad entrare in sintonia con l’esistenza.
La vita e’ un mistero non accessibile a coloro
che vogliono sempre analizzare,selezionare.
E’ invece un mistero accessibile a coloro innocenti,
che sono disposti ad innamorarsene,
e  danzare con lei.
Se vivi nell’inconsapevolezza la vita e’ un’esperienza difficile,
un agonia.
Se vivi in consapevolezza la vita’ e’ un’opportunita’,
una meravigliosa avventura
da vivere momento per momento
in un territorio senza mappe.
A cosa servono questi alberi verdi
a cosa serve il canto di un uccello,
a cosa serve il sorgere del sole,
a cosa serve una notte stellata?
Qual è lo scopo di tutto questo?
Nessuno
Per questo la vita e’ cosi’ bella!
(Osho)

 

Che cos’è il Multi Level Marketing o meglio conosciuto come Network Marketing?

download.jpg

Hai mai pensato di intraprendere una tua personale attività?

Sei un dipendente o addirittura un disoccupato in cerca di lavoro?

Vuoi aumentare le tue entrare mensili?

Non importa cosa tu faccia adesso, non è un problema, niente di preclude di entrare nel Multi Level Marketing (abbreviato MLM). Hai mai pensato a cosa potrebbe significare “essere padroni della propria vita finanziaria?”

Ecco, la finalità del MLM è questo. La bellezza del MLM è che esistono delle aziende che non scelgono di promuovere i loro prodotti con gli spot o i media ma si aiutano tramite i clienti stessi. Partiamo dal presupposto che il MLM (o anche chiamato Network Marketing) esiste da almeno 50 anni. Le aziende che vi partecipano sono sempre più numerose, sempre più qualificate (i prodotti per competere devono essere di grandi qualità). In Italia ormai è un settore molto conosciuto e tantissime persone sono entrate per lavorarci o semplicemente per capire di cosa si tratti.

Bisogna partire infatti da un presupposto: il MLM è un lavoro. Esattamente come tutti gli altri lavori. Per questo è un’opportunità come ogni altra professione esistente. C’è una famosa frase che dice “il MLM è per tutti ma non è per tutti”. Infatti molti prendono sotto gamba questa occasione di crescere economicamente oppure pensano sia un modo facile di guadagnare (esistono cose del genere?), altri invece credono persino sia una truffa (non conoscendo bene questo mondo).  Tutte queste credenze sono semplicemente ERRATE. Le persone che si sono arricchite, sono riuscite a farlo, perchè ci hanno messo passione e serietà, considerandolo un vero lavoro. Ma a differenza di altri lavori il MLM ti dà la possibilità di gestire il tuo tempo, di decidere quando e come farlo. Ecco perchè in molti casi è un lavoro extra (abbinato ad un lavoro da dipendente per esempio). Ma rimane il fatto che si ha tra le mani un lavoro vero e proprio. Su cui impegnarsi con serenità e passione.

Ma esattamente cos’è?

Il MLM è un metodo di commercializzazione dei prodotti con la crescita più rapida che esiste oggi al mondo. L’azienda con cui lavori ti premia con delle provvigioni sulle vendite. E puoi vendere i suoi prodotti in 2 modi sostanzialmente:

  • Vendita diretta: ovvero acquisisci dei clienti che comprano da te i prodotti e l’azienda ti premia con delle percentuali su ogni prodotto venduto. Si può andare da un minimo di 15% a persino un 50% (come per esempio l’azienda con cui lavoro io)
  • con il Multi Level Marketing: ovvero puoi vendere creando la tua organizzazione multi level. Costrusci la tua organizzazione diventando lo sponsor dei tuoi collaboratori a cui insegnerai tutto sul MLM e su come trovare altri collaboratori costruendo la loro organizzazione. Tutto questo ti porterà nel tempo ad avere delle provvigioni senza vendere alcunchè! Questo è il vero senso del MLM. La vendita diretta è solo una piacevole conseguenza.

Per questo io non cerco tanti collaboratori ma solo persone serie che vogliano formarsi e crescere con me nella mia squadra.

Vuoi ulteriori informazioni (senza alcun impegno)? Vuoi conoscere l’azienda CON cui lavoro? Vorresti entrare nel mi team?

Contattami sulla mail alpha.bond85@gmail.com 🙂 

Quando una cura definitiva per il Crohn?

digestive-Disease-760x400.jpg

 

Mi stupisco sempre del fatto che malattie come il Crohn o la Colite Ulcerosa oggi non abbiano ancora una cura definitiva su cui poter contare. Dopo 14 anni in compagnia del Crohn non posso non affermare che la medicina odierna nasconda qualcosa. Non voglio dire che si sia già trovata una cura per questa patologia. Ma c’è qualcosa che non torna. Il Crohn e le IBD in generale sono forse una delle poche patologie che dopo quasi un secolo (venne scoperta nel 1932, ben 85 anni fa!), non hanno trovato ANCORA una causa e tantomeno una cura. Ancora oggi si discute su quale possa essere il fattore scatenante e si adottano varie ipotesi tra cui quelle multi-fattoriali (ma dai!?). E’ tutto cosi strano. Tante patologie hanno trovato una soluzione in un tempo minore rispetto a quello della scoperta del Crohn. Per anni si è creduto che questa malattia fosse di tipo autoimmune (praticamente il sistema immunitario da un momento all’altro impazzisce e attacca la sua stessa casa in cui vive, a ben ragionarci sembra una teoria assurda già cosi), oggi si fa sempre più larga la strada che vuole in prima fila l’azione di determinati tipi di batteri, funghi ancora non ben definiti. Da anni si discute, per esempio, di un possibile vaccino per la cura del Crohn. Un vaccino che difenderebbe il sistema dal MAP, un batterio che a quanto pare è stato spesso trovato nei malati di Crohn e nelle loro biopsie. Questo batterio negli animali (bovini) provoca malattie infiammatorie intestinali, che sembra immune alla pastorizzazione e si troverebbe quindi facilmente nel latte, ma anche nei terreni e nei fiumi. Non si sa perchè il governo inglese ha sempre rifiutato di finanziare questa ricerca e oggi ancora i ricercatori chiedono fondi alle persone. Il vaccino è in fase 2 ed entro il 2019 se ne saprà decisamente di più. Fosse davvero la soluzione, sarebbero guai per le case farmaceutiche che letteralmente vivono grazie a questo tipo di malattie (un paziente medio subisce un’invasione di farmaci anche pesanti per tutta la vita). Ma sarebbero guai anche per tutti coloro che affermano da sempre come il Crohn sia una malattia autoimmune. E’ chiaro che parliamo solo di ipotesi, ogni malato vorrebbe che il vaccino sia realmente efficace. Ma, come potete vedere, ancora oggi in ambito medico non sanno che pesci prendere. Teorie su teorie e nessuna cura dopo 85 anni dalla scoperta. A me pare davvero una cosa assurda. Soprattutto nell’era ultra tecnologica, nell’era della mappatura del genoma umano. Oggi, rimango convinto, come già all’inizio della diagnosi, che il Crohn non sia cosi difficile da curare definitivamente, semplicemente NON VOGLIONO trovare la cura.

Pensateci,

se il problema fosse l’alimentazione odierna? Quante industrie anche potenti dovrebbero chiudere.

se il problema fosse come gli alimenti vengono prodotti? Quanti coltivatori, aziende sarebbe costrette a ricominciare daccapo.

se il problema fosse un semplice batterio? Quante case farmaceutiche dovrebbero rinunciare a miliardi di dollari non vendendo più le loro medicine.

Qualunque sia il problema sarebbe una catastrofe per chi lo tratta. Perdite di miliardi di dollari. Oggi il Crohn e le IBD in generale, stanno diventando un’epidemia. Intere famiglie sono composte da persone con queste patologie. Ma non fatevi ingannare, non sono ereditarie, potrebbero dirvi anche questo, come può diventare ereditaria una malattia che prima non lo era? Semplicemente i casi stanno aumentando, semplicemente ormai, la causa si sta sempre di più diffondendo. Tutti lo sanno ma nessuno ne fa la ragione di ricerca, perchè queste patologie non esistono nelle popolazioni meno sviluppate? Oggi persino un bambino di pochi mesi può beccarsi il Crohn. E’ tutto cosi assurdo. La medicina sta a guardare. Gli interessi sono troppi.

Non dire mai il tuo amore

Image


Non cercare mai di dire il tuo amore,
Amore che non può essere mai detto;
il gentile soffio si muove
In silenzio, invisibile

Dissi il mio amore, già dissi il mio amore,
Il cuore lo apersi;
Tremando, gelando, in orrenda tema,
Ah! lei, lei se ne andò.

Appena mi lasciò,
Un viandante passò,
In silenzio, invisibile:
Gli bastò un sospiro, la prese.

William Blake

Colonscopia: La Preparazione, il giorno prima dell’esame.

Image

Sono al giorno prima dell’esame, alla vigilia, sono le 12.10 circa e fra poco comincerò con l’assumere i lassativi. Bustine che si chiamano Selg-esse. La prescrizione parla di assumere 4 bustine da 70g ognuna dissolta in un litro di acqua. Stamattina colazione con latte e nesquik e due cioccolatini. Alle 11.30 un piatto di pastina con dado. Non dovrò più mangiare nulla. Solamente liquidi come acqua. Per cercare di sopportare il disgustoso sapore dei lassativi, ho comprato due chupachups vediamo se fanno il dovere che mi sono riproposto. Ho iniziato a bere il Selg-esse (primo litro)alle ore 12.50. Ho finito un litro  e mezzo alle  ore 14.00. Alle 18.00 circa invece ho finito un altro litro e mezzo di lassativo. Alla fine non ho bevuto, come gia sapevo, 4 litri di acqua da 4 bustine di Selg-esse, ma tre litri di acqua per due bustine e mezza di selg-esse. Non so se il mio intestino si è pulito o si pulirà, spero quantomeno che sia il meno sporco possibile e che soprattutto riesca a riposarmi un poco stanotte e domani non abbia bisogno di evacuare prima dell’esame, in modo da far riposare un pò la zona anale che con tutte le evacuazioni si è irritata parecchio. Ho cominciato, dopo una serie di scappate in bagno, a lavarmi e mettermi la cremina lenitiva (io uso la Trofo5 allo zinco da molti anni). Speriamo bene, la pancia continua ancora a crogiolare e a far rumore, speriamo che mi riesca a liberare in qualche ora e finisca questa prima parte di tortura che è la preparazione alla colonscopia. Ho abusato dei lecca lecca per togliermi un pò quel saporaccio del lassativo dalla bocca e dall’alito. Ma permane ancora. Bleah.